martedì 13 novembre 2012

genio italiano // Elio Petri




Elio Petri è senza dubbio uno dei miei registi preferiti. 
I suoi film mi portano in un'altra dimensione fatta di "italianità" e ricerca della perfezione. 
Gli attori, gli interni, i dialoghi, i temi, i luoghi, la musica e le storie d'amore passionali infedeli e utilitaristiche, sono frutto di una personalità fuori dagli schemi. 
La sensualità che anima le storie è lontana dalle convenzioni e quasi sempre cerca il disaccordo fino a diventare mezzo attraverso il quale raggiungere gli scopi personali.
Il suo stile senza eguali  riesce a fondere neorealismo e nouvelle vague e porta sullo schermo un'esplosione di sentimenti diversissimi che si confondono e si alimentano l'un l'altro.
Delitti, misfatti, piani diabolici e peccati di tracotanza si susseguono sulle note di una bossa cinematica .
Irriverente, ironico, ribelle, Elio Petri può e deve raccontarsi attraverso le immagini dei suoi capolavori.






Ennio Morricone
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto
1970





Florinda Bolkan & Gian Maria Volontè
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto



"Alle ore sedici di domenica ventiquattro agosto, io ho ucciso la signora Augusta Terzi con fredda determinazione. Ho una sola attenuante: la vittima si prendeva sistematicamente gioco di me. Ho lasciato indizi dappertutto, non per fuorviare le indagini, ma per provare, per provare... per provare la mia insospettabilità. Tuttavia, quando hai fatto condannare al tuo posto un innocente, la tua insospettabilità non è provata. "




Marcello Mastroianni & Gian Maria Volontè



Luis Bacalov - Samba 
(A ciascuno il suo)
1969




Gian Maria Volontè & Irene Papas







Piero Piccioni
La decima vittima 
1965


Masoch Club











Ursula Andress & Marcello Mastroianni
La decima vittima











Marcello Mastroianni & Micheline Presle
L'Assassino
1961











Nessun commento:

Posta un commento