venerdì 31 maggio 2013

italianità





C'è un non so che nei film italiani che determina in me uno stato di irrequietezza immediato: un sentimento contrastante che si divide tra voglia di vivere per sperare di raggiungere alcuni 'acumi' e una visione crudele dell'esistenza.
Alcuni registi hanno presentato con assoluta brutalità l'assurdità e la banalità della condizione umana esasperandola tramite una cornice edonista di incomparabile bellezza.
Gli oggetti, le donne, le case, i vestiti che popolano le storie di alcuni film, costruiscono un mondo pieno di rimandi e citazioni intellettuali che costringono lo spettatore ad un'accanita e veemente attenzione.
Questa BELLEZZA che si impone violentemente non fa altro che accentuare la consapevolezza di una vita che spesso rimane relegata alla dipendenza dagli oggetti.
Continuo a pensare che gli italiani hanno conosciuto e fatto i conti con  il sentimento dell'assurdità e dell'inconsistenza a causa del loro esser cosparsi e immersi nella perfezione estetica e artistica che alimenta un forte senso di inadeguatezza.
Per fortuna questo sguardo malinconico e disincantato continua a far nascere capolavori.


"l’isolamento in una camera che non debba comunicare con l’esterno perché piena di un’atmosfera mortale, una camera, quindi, dove per sopravvivere è necessario portare una maschera, ricorda molto le condizioni di vita dell’uomo contemporaneo. "








Dillinger è morto - Marco Ferreri




Philippe Sarde -  La grande bouffe original theme, 1973

La grande abbuffata - Marco Ferreri


Il conformista - Bernardo Bertolucci




otto e mezzo - Federico Fellini

C'eravamo tanto amati - Ettore Scola



5 commenti:

  1. bellissimo post: arte-bellezza-cultura!
    complimenti, ceci!

    ps: ho visto da poco "la grande abbuffata" ed è un capolavoro di "bellezza-dolore ed assurdità" . . . per citarti:)

    baci baci!

    RispondiElimina
  2. Io ho visto solo La grande abbuffata ed è stata una discreta mazzata..
    Sì, noi italiani ci accomodiamo nelle nostre bellezze, nel nostro passato e probabilmente, per questo, è ancora più difficile essere artisti.. non so..e come dici tu "è proprio merito di questa visione disincantata se vengono ancora creati tanti capolavori"

    RispondiElimina
  3. You're so cool! I love your blog. It's amazing.

    -Chris
    publicrevival.com

    RispondiElimina
  4. Stupendo questo post. Carico e stupendo.

    RispondiElimina
  5. Un post ricco di cultura! Bellissimo.

    Un bacio, buona giornata!
    Le Bunny Bleu Giveaway: spero parteciperai :)

    RispondiElimina